Con la macchina per taglio laser Bystar si produrranno respiratori

Con la macchina per taglio laser Bystar si produrranno respiratori

Settembre 2020

Durante la crisi causata dal coronavirus molti imprenditori hanno agito rapidamente, riconvertendo prontamente la propria produzione, come ha fatto anche il libanese Tony Haddad. La storia di un imprenditore di successo del settore meccanico, che vuole restituire qualcosa al suo Paese e di una Bystar per taglio laser, che continua pazientemente a fare i turni di notte.

La macchina che presto salverà vite umane è più piccola di una scatola per traslochi: una scatola in acciaio inossidabile e vetro, con un pallone autoespandibile che sembra un cuore pulsante. Produce un lieve ronzio, mentre il capannone della fabbrica viene illuminato dai raggi del sole che entrano dalle lunghe finestre. In sottofondo i collaboratori sono intenti a rettificare e a fresare componenti per gigantesche macchine di imballaggio e confezionamento. Ma Elie Jalbout, il trentanovenne direttore della fabbrica, ha occhi solo per la piccola cassetta davanti a lui: «Lei non può immaginare quanto siamo orgogliosi», dichiara.

La piccola cassetta risponde al nome di AmbuVent ed è il primo respiratore «Made in Lebanon». Technica, in realtà, è un’azienda specializzata nello sviluppo, costruzione e messa in esercizio di linee di produzione completamente automatiche. Ma poi è arrivato il coronavirus e la multinazionale si è trasformata di colpo in un pioniere dell’industria farmaceutica libanese.

Leggete tutta la storia (in inglese) nel nostro Bystronic World Magazin.

Informativa sulla privacy

Il sito web di Bystronic utilizza componenti esterni che possono essere impiegati per raccogliere dati relativi al Suo comportamento e mettere a disposizione le funzioni dei social media. Informativa sulla privacy